Weissman

Dieci domande per controllare il proprio potenziale di successo digitale

Le innovazioni disruptive aumenteranno nel prossimo futuro e riguarderanno il service di prodotti, i processi e il loro svolgimento, ma soprattutto il modello di business. L’impresa che vuole attrezzarsi per il futuro ed avere successo digitale si trova probabilmente davanti alla più grande sfida della storia imprenditoriale, e non ha importanza da quanto esista già questo business o in quale settore sia attiva. La logica imprenditoriale va ripensata, per Industry 4.0 o Economy 4.0 i concetti di aumento dell’efficienza e della produttività non basteranno più per la sopravvivenza. Come potrebbe una startup distruggere la vostra impresa, come potrebbe manifestarsi un tale concorrente? Quasi sicuramente questo non verrà dall’ambito dei competitor già affermati: è stato così, per esempio, per Amazon, I-tunes, Netflix, Airbnb, Uber, Facebook, che non erano operatori già esistenti nel rispettivo settore. Già si scrivono nuove sinfonie da parte di nuovi Beethoven, non importa se li vedrete e li sentirete prima con il vostro occhio e orecchio interiore. Sono in via di composizione e avranno effetti. Guardatevi intorno, osservate gli sviluppi e le conoscenze tecnologiche negli altri settori. Adattate le soluzioni di altri settori al vostro modello di business. Per dirla con le parole di Marc Zuckerberg. “Disrupt o be disrupted”.  Lavorate sulle vostre competenze centrali di oggi e analizzate la loro bontà guardando al futuro. Sono il motore del successo della vostra impresa; genereranno anche in futuro vantaggi competitivi che vi distingueranno dai concorrenti, porteranno benefici e valore aggiunto ai vostri clienti?

In tutte le riflessioni sul mondo che si sviluppa in maniera esponenziale, si pone la domanda: che cosa resterà? Che cosa ne pensate per esempio della invariabilità di questo principio cibernetico fondamentale: “chi è in grado di risolvere in maniera evidente i problemi importanti della propria clientela meglio di quanto fa la concorrenza, non potrà evitare di avere successo.”

Per poter cercare a capire il vostro potenziale di successo digitale quindi vi propongo queste dieci domande:

  1. Quali sviluppi di prodotti e servizi digitali si attendono oggi da noi i nostri clienti?
  2. Come possono e devono interagire il mondo digitale e quello fisico per offrire vantaggi alla clientela, e generare entrate?
  3. Quali tecnologie del settore sono decisive per il proprio successo futuro?
  4. Quali tecnologie al di fuori del settore possono essere decisive per il vostro successo futuro?
  5. Quali tecnologie sono nella fase di accelerazione esponenziale, tanto che in un futuro prevedibile si distaccheranno dalla loro nicchia e potranno diventare interessanti per voi?
  6. Quali competenze centrali deve padroneggiare e/o possedere la vostra impresa per poter generare in modo permanente vantaggi competitivi per i clienti?
  7. Come possono essere utilizzate le nuove risorse e tecnologie chiave per la propria impresa (per esempio stampa 3D, sensorica, robotica, intelligenza artificiale, Big Data, Internet degli oggetti)?
  8. Che cosa dovrebbe fare una nuova startup, quale modello di business sviluppare per offrire un valore aggiunto importante ai vostri clienti, e così rovinare la vostra azienda?
  9. Come sarà il canale (telematico e di vendita) rivolto ai clienti di domani?
  10. Ci sono nella vostra impresa preclusioni nello sviluppo strategico e organizzativo, per cui non lasciate spazio a metodi e atteggiamenti mentali nuovi e creativi?

Cercate di dare delle risposte a queste domande, ciò di sicuro vi darà modo a migliorare il vostro successo digitale.

Articolo pubblicato nella rivista “Tenda In&Out” 2/2018, terza parte. Trovate la prima parte dell’articolo qui e la seconda parte qui.

Potete scaricare l’intero articolo qui.

Ci contatti!

Invia email